Redigere un buon CV

Donna che scrive il suo CV

Di fronte alla necessità di fare un curriculum vitæ ? Cosa deve contenere il vostro CV? Spesso si sente dire che il CV deve essere adattato a ogni candidatura. Dovrebbe anche riflettere la vostra personalità. Vi suggeriamo di seguire un metodo che vi consenta di redigere la bozza del vostro CV e di adattarlo alla posizione per cui vi candidate. In breve, per realizzare un buon CV, un documento che parli ai selezionatori e vi aiuti a distinguervi dalla massa, sia che stiate rispondendo a un'offerta di lavoro sia che abbiate presentato una candidatura spontanea.

Prepararsi a scrivere un CV professionale

Prima di scrivere un CV, è necessario fare un po' di introspezione. Dovete produrre un documento che rifletta il vostro percorso formativo e professionale e metta in evidenza i vostri risultati. Quindi prendete carta e penna e seguite la guida!

Identificare le proprie competenze:

- il competenze tecniche in senso lato, con o senza formazione (pasticcere, CAP; ingegnere dei materiali, diploma di ingegneria corrispondente).

- competenze informatiche generali (in particolare l'uso di fogli di calcolo, elaborazione testi, strumenti di impaginazione, ecc;)

- competenze linguistiche ;

e, se del caso, le certificazioni che li attestano;

- formazione correlata (MOOC, certificato di primo soccorso, licenza di radioamatore, certificato di immersione), ecc;

Identificate le vostre competenze trasversali e le soft skills:

quelle che potete applicare, a prescindere dalla vostra posizione precedente: capacità di negoziare, di creare gruppi di lavoro, di gestire le scorte, ecc. Autonomia, facilità nei contatti sociali, buon comunicatore, affabilità, capacità organizzative, gioco di squadra, senso di responsabilità, metodicità, capacità espressive o di scrittura, resistenza allo stress o a condizioni di lavoro difficili, capacità di concentrazione, iniziativa, capacità di decidere o convincere, leadership, destrezza, immaginazione.

Riassumere la propria esperienza professionale:

Dovrete redigere un elenco di ogni posizione, lavoro, tirocinio (compresi i lavori saltuari, anche quelli puramente alimentari) e includere eventuali attività di volontariato o personali (ad esempio club di investimento, attività sportive, ecc.).

Per ognuno di loro :

    • indicare la responsabilità svolta (specificare il settore se non è esplicito), il nome del datore di lavoro (e la località se era all'estero), la data e la durata.
    • oltre alle vostre responsabilità (tipo di attività, nome dei clienti, dimensione del team, obiettivi fissati), specificate i compiti svolti e gli obiettivi raggiunti o superati (fatturato realizzato o qualsiasi altro indicatore utilizzato per valutare le vostre prestazioni).
    • verificare che i titoli dei lavori siano sufficientemente chiari per tutti i lettori.
    • Per quanto possibile, disponete queste esperienze in ordine cronologico inverso: le esperienze più recenti dovrebbero apparire per prime.

Ora avete una buona base su cui costruire un CV, anche se dovrete riordinare e adattare il contenuto al modello di CV che avete scelto.

Adattare la propria candidatura alla posizione per cui ci si candida

Identificare l'esperienza e le competenze rilevanti per il posto per cui ci si candida: è necessario elencare l'esperienza e le competenze rilevanti per il posto. per la posizione ricercata nel vostro CV.

    • Innanzitutto, leggete attentamente la descrizione del lavoro per individuare le aspettative del selezionatore e le qualità che state cercando. Sottolineatele o date loro un nome. Osservate come si adattano al vostro background.
    • individuare esperienze coerenti con il settore in cui si lavora si sta facendo domandaQuesto può significare sottolineare o mettere in grassetto gli elementi più significativi. In pratica, potrebbe anche significare non elencare o soffermarsi sulle esperienze meno significative vissute, ma sottolineare o evidenziare i punti di forza. Per un CV perfettoSe volete candidarvi per un lavoro, non avete bisogno di elencare tutte le vostre esperienze professionali, ma solo di un CV efficace.

Per la scrittura in sé :

    • preferiscono un modello di CV classico, per Formato Word* se disponibile,
    • Dedicate più spazio nel vostro CV alle esperienze significative (più righe contro una riga per ciò che è di scarso interesse).
    • enfatizzate i vostri risultati, cioè sviluppate i fatti chiave che probabilmente interesseranno il selezionatore a cui state parlando.
    • Riducete a una riga le esperienze che non sono rilevanti per il posto di lavoro a cui vi state candidando, o eliminatele del tutto! Mantenete il vostro CV abbastanza semplice da ottenere un colloquio di lavoro e non cercate di includere tutto!

Valutare il proprio CV, dal contenuto alla forma.

Assicuratevi che il vostro CV sia leggibile:

    • Il vostro profilo professionale è chiaro (titolo o tagline)?
    • Il vostro profilo è coerente con il vostro profilo LinkedIn?
    • I titoli sono chiaramente identificabili?
    • Le vostre informazioni di contatto sono facili da trovare (stato civile, numero di telefono, indirizzo e-mail professionale, non di fantasia)?
    • verificare la presenza di parole chiave e gergo aziendale
    • la foto, se inclusa, deve essere di buona qualità.
    • il layout deve essere il più professionale possibile (scegliere un font leggibile, 1 o 2 effetti di formattazione al massimo).
    • non ci sono errori, l'ortografia e la tipografia sono impeccabili?
    • limitarsi a una pagina. Un documento troppo lungo non verrà letto e potrebbe rivelare una mancanza di sintesi.

Correzione di bozze per un buon CV

Conoscete il vostro background, sapete cosa volevate scrivere e chiarire. Ma dovete assicurarvi che chi legge il vostro CV abbia la vostra stessa comprensione. Fate rileggere il vostro CV, anche solo per sapere come verrà percepito.

Chi dovrebbe correggere il vostro CV?

Voi, sì, ma non solo voi. Perché anche se l'ortografia, la sintassi e la padronanza della lingua sono impeccabili, nulla vieta che un selezionatore capisca le stesse cose che capite voi o chi vi sta intorno. Inoltre, come vi dirà qualsiasi scrittore professionista, non c'è correzione di bozze più difficile della correzione dei propri scritti.

Quindi fate rileggere il vostro CV a una terza persona che non vi conosce. Questo è fondamentale. È proprio per questo motivo che potrà darvi le sue impressioni sulla lettura del vostro CV e porvi le domande che ogni lettore si pone. In ogni caso, non aspettatevi che il selezionatore abbia la prima impressione leggendo il vostro CV. Se a voi o a chi vi circonda è sfuggito un errore, al responsabile delle risorse umane non può sfuggire e potrebbe concludere frettolosamente che non avete adottato l'atteggiamento professionale che la vostra candidatura suggeriva inizialmente. E per chi pensa di scrivere bene, è meglio presentarsi come qualcuno che ha l'umiltà di farsi correggere il lavoro piuttosto che come un individualista, soprattutto se si tratta di partecipare a un'azienda che è per definizione collettiva.

Se avete un marketingLeggete questa guida per scoprirlo Come fare un buon CV di marketing.

* Se non avete una licenza Word per la scrittura e l'impaginazione, leggete il nostro articolo per scoprire come fare. quale software utilizzare per creare il vostro CV.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividetelo con i vostri amici! Altri consigli per scrivete il vostro CV o il vostro lettera di motivazione sono disponibili su il blog di cvsansfaute.fr !

Lascia un commento