Scrivere il CV perfetto... 10 consigli per scriverlo

Se il vostro CV passa per le mani di un selezionatore, è probabilmente perché contiene un certo numero di parole chiave che sono state selezionate da un motore di ricerca automatico.

A questo punto, il vostro CV ha superato la prima fase in pochi millisecondi. Un essere umano non spenderà più di 30 secondi per leggerlo per la prima volta. Ecco quanto è importante la prima impressione prodotta da questo documento quando viene scoperto.

Sia in termini di forma che di contenuto, un CV efficace deve distinguersi dalla massa, in modo da distinguersi dalle altre candidature ricevute dall'azienda.

Creare un CV è un esercizio di sintesi della vostra identità e del vostro percorso professionale. Se vi distinguete dalla massa, un CV di successo ne sarà un perfetto riflesso.

Lavorate prima sul contenuto del CV e poi sul suo layout.

Non ha senso perdere ore a impaginare con Word se si ha solo una conoscenza approssimativa. Potete impaginare, o far impaginare, dopo aver letto, riletto e fatto rileggere il vostro testo. Potete anche provare a creare un CV online su Canva o altri servizi di CV online, ma non è realistico ottenere i migliori risultati. CV perfetto gratuito senza dover fare da soli il lavoro di base.

Un professionista dell'impaginazione dedicherà solo pochi minuti alla formattazione di contenuti a cui voi avete già dedicato molte ore. Un servizio online vi costerà solo pochi euro per ottenere l'aspetto di un CV professionale. Le competenze di elaborazione testi non sono comuni tra i candidati.

Evitate il CV in stile "creativo" se non siete né artistici né eccentrici. Non siate inutilmente esuberanti, ma sobri. Non parlate troppo, date solo informazioni chiare e utili sulla vostra vita professionale.

Mentire sul proprio CV.

Abbellire la realtà è una cosa, ma mentire sulle proprie qualifiche, sulla propria esperienza professionale o sulle proprie conoscenze linguistiche significa correre un rischio inutile. Il mondo è piccolo: i social network permettono ai reclutatori di prendere referenze a vostra insaputa. La visita di un'agenzia di reclutamento al vostro profilo LinkedIn dice quasi quanto un colloquio di lavoro!

Identificarsi.

Dichiarate la vostra identità e i vostri dati di contatto con l'indirizzo postale, quindi aggiungete il vostro indirizzo e-mail, i profili Linkedin e Viadeo, l'indirizzo Skype e l'indirizzo Twitter (se questo account è legato esclusivamente alla vostra attività professionale).

Evitate indirizzi e-mail ridicoli come turlututu@monfai.com o @wanadoo.fr, datati e in stile primi anni Novanta. Anzi, perché non creare una casella e-mail dedicata alla vostra ricerca di lavoro? In questo modo non mischierete asciugamani e tovaglioli: in altre parole, non perderete l'opportunità dei vostri sogni perché annegata nella posta indesiderata.

Devo inserire una fototessera nel mio CV?

La fototessera non è obbligatoria, ma se decidete di includerla, deve essere a vostro vantaggio. Ancora una volta, non siate stravaganti. Scegliete una foto recente che non distorca la realtà! Se siete stati viziati dalla natura, sfruttatela al massimo, ma senza esagerare. Sarete reclutati innanzitutto per le vostre capacità, almeno in linea di principio!

Indicate il lavoro che desiderate!

A volte è superfluo dirlo, ma è meglio se lo si dice. Se il vostro reclutatore sta cercando un "Project Director" o un "Project Manager", sarà più facile per lui identificarvi come il candidato ideale a colpo d'occhio piuttosto che dover leggere tra le righe per scoprire quali posizioni avete effettivamente ricoperto. Siate precisi, perché la posizione indicata non è un elenco di tutte le posizioni a cui siete disponibili. È un'opportunità per creare un "incontro perfetto" tra le vostre aspettative e quelle del selezionatore. Se necessario, adattate il vostro CV e la posizione per cui vi candidate a ogni candidatura. Utilizzate il gergo del selezionatore, o meglio ancora quello del vostro futuro datore di lavoro. I social network sono molto utili a questo scopo. Ad esempio, controllate i profili dei dipendenti della vostra azienda di riferimento e non dimenticate di controllare il profilo del vostro potenziale futuro capo.

Parlate della vostra esperienza.

Se vi candidate per un contratto a tempo indeterminato e avete già un'esperienza significativa, mettete in evidenza le vostre competenze in un paragrafo molto conciso. In poche parole, il selezionatore saprà cosa sapete fare.

La lettura del resto del CV servirà solo a confermare la prima impressione. Pensate alle parole chiave, quelle che confermeranno la selezione iniziale del selezionatore.

Siate specifici e concreti. Evitate le generalità: ad esempio, invece di "gestione del budget", dite "gestione del budget annuale di R&S di 3,2 milioni di euro", senza entrare troppo nei dettagli. Avrete tutto il tempo per farlo con il vostro interlocutore durante il colloquio.

Parlate della vostra esperienza.

Se è il vostro primo lavoro, mettete in primo piano la formazione rispetto a esperienze non significative. La mancanza di esperienza professionale non significa che non si debbano evidenziare le attività in cui si sono sviluppate competenze concrete. Se, ad esempio, siete il tesoriere di un club velico o l'allenatore di una squadra di calcio amatoriale, menzionateli. Si tratta di lavori che mettono in luce la vostra capacità di gestire le persone.

Per ciascuna delle vostre esperienze professionali, presentate chiaramente la missione e i risultati ottenuti. Siate onesti e non date troppa importanza a voi stessi, perché potreste farvi male...

Per parlare della vostra esperienza, usate termini precisi. Se i compiti non sono tecnici, preferite termini orientati all'azione. Bandite "gestione di..." o "responsabile di...", che suggeriscono che siete soggetti alla vostra posizione. I termini "dirigere, promuovere, organizzare, supervisionare, sviluppare" dicono molto di più sulla vostra capacità di agire.

Parlate della vostra formazione.

Iniziare con la formazione se si ha poca o nessuna esperienza. Anche in questo caso, siate onesti, perché gli usurpatori vengono rapidamente smascherati.

Indicate il vostro livello in ciascuna delle lingue moderne. Ora c'è un Sistema europeo di valutazione delle competenze linguistiche che vi permette di effettuare un'autovalutazione e di creare il vostro passaporto linguistico online.

Nessun CV senza lettera di presentazione.

Scrivere un buon CV non è sufficiente, a meno che non pensiate di essere Marissa Meyer! Questa è l'occasione per personalizzare il vostro discorso e mostrare le vostre capacità di comunicazione. Non dimenticate: " Ciò che è ben compreso viene espresso chiaramente e le parole per dirlo arrivano facilmente. ", ha detto Boileau. Dovete dimostrare la vostra idoneità al lavoro con uno stile chiaro, conciso e incisivo. Il lettera di motivazione è essenziale quando si presenta una domanda non sollecitata.

Fate rileggere il vostro CV o la vostra lettera di presentazione

Creare un CV è un lavoro molto impegnativo e non dovrebbe finire nel cestino dopo 30 secondi... Quindi fate correggere il vostro CV. Ci avete dedicato così tanto tempo che non riuscite a vedere nulla! Avete già contattato più volte il vostro coniuge e i vostri amici. A questo punto, il correttore ortografico integrato nel vostro elaboratore di testi preferito non vi salverà più dagli errori. Lasciate fare a correzione professionale del curriculum vitae o della lettera di presentazione. Per pochi euro, il Correzione del CV è un buon investimento!

Se il marketing è la vostra specialità, seguite questa guida per fare un buon curriculum di marketing.

Vi è piaciuto questo articolo? Condividetelo sui social network.

E seguire i nostri consigli sul blog di cvsansfaute.fr

Lascia un commento